IMG-20201103-WA0039_edited.jpg

La mia filosofia

Tutto quello che c'è da sapere

Sono una dietista, è vero, ma non uso il termine "dieta". Molto semplicemente perché il suo significato originale è stato ormai travisato e sostituito con quello di restrizione. "Mi metto a dieta" = patisco la fame, rinuncio ai cibi che mi piacciono, campo a insalata scondita, fuggo da pasta e pane, neanche fossero il demonio. A tutto questo, come se il disagio non fosse già abbastanza, si aggiunge la componente emotiva e psicologica che il mettersi a dieta comporta inevitabilmente: senso di colpa se si cede ad un alimento non previsto, pensiero ossessivo verso il cibo, irritabilità, frustrazione, mentalità del tutto o nulla, visione bianca o nera dell'alimentazione, paura di perdere il controllo di fronte a un determinato alimento. Suona familiare? Detto così, mettersi a dieta non è proprio un gran guadagno. Ecco perché, al mettersi a dieta, io preferisco di gran lunga l'educazione alimentare positiva, e alla mentalità bianco o nero, un po' di sane sfumature di grigio. 
Le diete lampo, che promettono risultati miracolosi in poche settimane, nel lungo tempo sono assolutamente inefficaci e controproducenti, perché si limitano ad informarti su COSA e QUANTO mangiare, senza soffermarsi sul COME. La tanto agognata perdita di peso viene raggiunta con pratiche insostenibili e impossibili da portare avanti tutta la vita, e che quindi vengono rapidamente abbandonate per tornare alle vecchie abitudini. Risultato: i chili persi vengono riacquistati tutti (spesso con gli interessi), non si è imparato nulla su cosa voglia dire mangiare in modo equilibrato e consapevole, ci si sente abbattuti e demoralizzati per non essere riusciti (forse, ancora una volta?) a raggiungere gli obiettivi prefissati. 
Il mio scopo è quindi quello di rendere autonoma la persona, attraverso la costruzione di abitudini alimentari salutari, ma adeguate alle sue esigenze, giuste per i suoi bisogni e adatte ad essere portate avanti per tutta la vita.
Solo così la parola "dieta" potrà tornare ad avere il suo vecchio significato: quello di stile di vita.